Il libro sul comodino: Hotel delle muse

Hotel delle Muse

L’Hotel delle muse, dove sono cresciuta e dove ancora vivevo, non era il solito albergo di Palermo…

Ann Kidd Taylor ci conduce all”Hotel delle muse, un piccolo angolo di mondo su una sperduta isola della Florida.

È l’hotel di nonna Perry, appassionata di libri e letteratura.

È il posto che renderebbe felice qualsiasi lettore, il luogo nel quale chiunque vorrebbe soggiornare!

Club del libro, serate a tema, ogni stanza è dedicata ad un autore del quale recita una citazione, come la camera di Keats nella quale si legge L’amore è la mia religione. Io potrei morire per amore.

È qui che Maeve e suo fratello gemello Robin crescono, abbracciati dall’affetto di nonna Perry, dopo aver perso i loro genitori in un incidente aereo.

Ed è qui che Maeve fa sempre ritorno.

Biologa marina, gira il mondo per condurre ricerche sugli squali perché Maeve “è stata letteralmente morsa dall’oggetto della sua ossessione”.

È il 30 luglio del 1988 quando due eventi sconvolgono la sua vita: viene baciata da Daniel e aggredita da uno squalo.

Quell’aggressione non genera in lei paura ma fascinazione:

Qualsiasi cosa ti faccia sentire viva merita la tua attenzione.
Se ti rende felice, allora vale la pena seguirlo.

A farla sentire viva, a renderla felice sono l’oceano e gli squali che lo popolano, con i quali lei stessa afferma di sentirsi più a suo agio che con le persone.

Prima di compiere trent’anni, ero stata tormentata dal dolore di quel che non avevo: Daniel; un figlio; quella vita perduta senza essere vissuta.

Dopo gli squali, è Daniel a darle amore e dolore.

Inseparabili fin da bambini, crescono afflitti da dolori simili: la perdita dei genitori per Maeve, l’abbandono del padre per Daniel.

Si innamorano ma l’amore sboccia senza radici con le quali restare saldo e crescere: una vaga distanza che veniva a galla quando tutti gli impegni e le necessità venivano messi da parte e rimanevano solo loro.

Quando Maeve farà ritorno all’Hotel delle muse ritroverà Daniel e con lui il fardello di ripianti richiusi nella stanza in cui viveva da bambina.

Che piega far prendere alla nostra vita lo decidiamo noi, il più delle volte.

Maeve è alla ricerca della sua felicità.

Non sa però se è li ad aspettarla all’Hotel delle muse, sulla terraferma, o se l’ha sempre portata con sé.

Durata della lettura
5 sere all’Hotel delle muse

Hotel delle muse

Hotel delle Muse

Ph: Sara Cartelli
© The Eat Culture

Spread the culture
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Ramona Lucarelli

Il libro sul comodino: Mangia, Prega, Ama

La premessa? Lei, Elizabeth, ha tutto ciò che potrebbe desiderare: è avvenente,...
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *