LINA BO BARDI: TOGETHER

Una donna, un maestro nel campo della progettazione e dell’architettura, il cui talento è stato riconosciuto solo ora, a più di 20 anni dalla sua scomparsa. Per non perdervelo, fino al 5 ottobre avete ancora tempo per fare una scappatina alla mostra “Lina Bo Bardi: Together” presso la Triennale di Milano.

Italiana ma naturalizzata brasiliana, dove si è trasferita nel 1946, Lina Bo Bardi ha contribuito a valorizzare la cultura di questo paese esplorandolo in lungo in largo, organizzando mostre, individuando un valore estetico e poetico negli oggetti artigianali della vita quotidiana, sempre rispettando la popolazione e la sua libertà di espressione. Perché per lei, un paese doveva costruire la propria identità sulle fondamenta delle proprie radici.

La retrospettiva, curata da Noemí Blager, mette in evidenza tra opere, film e fotografie, il rilevante contributo di Lina Bo Bardi nel campo del progetto, il metodo, l’attualità delle sue ricerche e l’influenza che anche oggi riescono a esercitare su artisti e progettisti contemporanei. In mostra c’è anche la Bardi’s Bowl Chair, l’iconica poltroncina da lei disegnata nel 1951 e oggi prodotta per la prima volta da Arper in edizione limitata. Una bella mostra, assolutamente da non perdere.

 

linabobarditogether.com

Lina Bo Bardi Together_4

Lina Bo Bardi Together_3

Lina Bo Bardi Together_2

Lina Bo Bardi Together_1

Lina Bo Bardi Together_5

Spread the culture
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Sara Cartelli

84 metri quadri a Stoccolma. Più che un appartamento un viaggio nel tempo.

Benvenuti a Stoccolma in una piccola, ma ben organizzata, casa di famiglia...
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *