Parmigiana di melanzane in un tortino: l’antipasto vegetariano per San Valentino

Parmigiana di melanzane in un tortino: l’antipasto vegetariano per San Valentino

Piccioncini, questa parmigiana di melanzane in un tortino è ciò che fa per voi.
Non per mettervi ansia, ma tra 12 giorni è San Valentino.

Lo so che pensate “la festa di ogni cretino”.

Burloni.

In realtà funziona che chi ha una dolce metà può fingersi burbero, inacidito, glaciale, farsi forte dell’idea “è solo una commercialata” quanto vuole, che tanto, alla fine, ci teniamo tutti.
Chi non ha una dolce metà… è la serata giusta per darsi alla pazza gioia. Tanto si è tutti sulla stessa barca e mai come il 14 febbraio vige il mantra del mal comune mezzo gaudio.

Poi si sa che io sono avanti. O indietro. Dipende da che parte mi guardi.
E dunque lungi da me farvi cogliere impreparati. Ecco il perchè di un antipasto vegetariano facile, veloce, d’impatto come piace a noi (speriamo anche a voi).
Tutto molto bello ma ve lo spiego meglio: ho messo un sughino di pomodori datterino sul fondo, sopra di lui due belle fette di succulento fior di latte; dunque il pezzo forte – alias il tortino di melanzane – e, per finire, briciole di pane.

A giochi fatti, le 2 delizie che otterrete, saranno da impiattare rigorosamente assieme.
E da mangiare incrociando le forchette. Gli sguardi, e tutto ciò che vi pare il caso di incrociare.

Furbetti.


Non dimenticatevi di pregare che non finisca in tragedia.
Leggi boccone precario sulla forchetta, ingarbuglio di braccia, patacca di sugo sulla camicia di seta, imprecazioni in aramaico.
E da Lilli e il Vagabondo a Kill Bill è un attimo.


Vaneggiamenti tragici e improbabili (a meno che non vi chiamiate Kristel) a parte, parliamo di specchi.

Avete visto che tocco di coerenza anche nella parmigiana di melanzane?
I due tortini sono l’uno lo specchio dell’altro.
La fierezza (o l’indisponenza) di quando ti applaudi da sola.

Ma che cos’è che lo specchio non ci dice?

Non ci dice quanto siamo state brave a fare le cose che avrebbero necessitato di 56 ore in 12.
Ecco il perché quelle occhiaie sono da considerarsi un vanto e non un difetto.

Non dice sorridi bella che quel brufolo lo noti solo tu.

Non ci dice di gioire mentre ti lavi i denti e pensi solo a quanto sonno hai, che là fuori è pieno di gente che ti ama.

Non dice che, alla fine, per essere felici non ci serve poi molto.
Basta volerci bene.

Parmigiana di melanzane in un tortino – la ricetta

INGREDIENTI (dosi per due)

  • 1 melanzana medio-piccola
  • 1 cucchiaio di scalogno sminuzzato
  • 1 uovo
  • 100 g di latte
  • 10 g di farina 00
  • 10 g di burro
  • 3 cucchiai di Grana grattugiato
  • 5 cucchiai di passata di pomodori datterino
  • Una mozzarella fior di latte
  • Una fetta di pane bianco
  • Paprika dolce, timo, origano, basilico, aglio q.b.
  • Sale, pepe nero, olio extra vergine d’oliva q.b.
  • Burro per ungere gli stampi
  • 2 cucchiaini di pan grattato

Mentre assaggi ascolta: I’ll be your mirror – The Velvet Underground, Nico

PREPARAZIONE

  1. Cuoci la melanzana a cubetti in acqua bollente salata per 5 minuti. Scolala.
  2. Soffriggi lo scalogno in un fondo d’olio evo dunque aggiungi i cubetti di melanzana. Cuoci le melanzane per una mezzoretta a fuoco lento sino a che non saranno morbide ed asciutte.
  3. Prepara una besciamella con le dosi riportate di burro, farina e latte (trovi il procedimento qui).
  4. Rompi l’uovo nel bicchiere del frullatore ad immersione (è comodo perchè il quantitativo è minimo e dunque si riesce a frullare alla perfezione; se non hai il bicchiere apposito – quello alto e dosato per intenderci – puoi usare ugualmente una terrina oppure un mixer), aggiusta di sale e pepe e aggiungi il Grana e la besciamella (non bollente). Amalgama il tutto frullando finemente.
  5. Aggiungi ora anche le melanzane spadellate e frulla nuovamente.
  6. Imburra due pirottini d’alluminio e cospargi con il pan grattato. Versa il composto alle melanzane e cuoci nella parte bassa del forno a 180°C per 30 minuti circa. Verifica la cottura con la prova stecchino, se mezzora non dovesse bastare abbassa la temperatura a 160° (se il tuo forno lo permette, settalo per la cottura ventilata con calore solo dal basso) e cuoci al bisogno.
  7. Mentre i tortini cuociono, prepara la salsa al pomodoro. Scalda un cucchiaio d’olio con l’aglio, versa il pomodoro e fai ridurre la salsa a fuoco lento. Rimuovi l’aglio, aggiusta di sale e paprika, aggiungi qualche foglia di basilico.
  8. Trita una fetta di pane bianco e saltala con un cucchiaio d’olio, origano e timo.
  9. Impiatta mettendo qualche cucchiaio di salsa al pomodoro sul fondo, le fette di mozzarella fior di latte, il tortino caldo, qualche fettina di melanzana scottata e una manciata di briciole di pane aromatizzate.

Piatto e ciotola: La Fornacina Keramik Studio

Ph. Sara Cartelli
© The Eat Culture

Spread the culture
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tags from the story
,
More from Kristel Cescotto

Spatzle agli spinaci con panna, speck e ricotta affumicata

Mi svegliai. Mi alzai. Mi chiesi perchè utilizzavo propriamente il passato remoto....
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *