Ricordati chi sei

Ho fatto un sogno.
C’eri tu e c’ero io, e camminavamo insieme.

Tutto a un tratto abbiamo cominciato a dimenticare.
La realtà è diventata distante: una bolla sfocata sempre più leggera sopra alle nostre teste.
I pesi si sono fatti leggeri, le responsabilità si sono allentate, le preoccupazioni si sono trasformate in scherzi di poco conto da soffiare via.

Abbiamo dimenticato tutto, e siamo rimasti solo noi.
Noi, con le nostre mani e braccia e gambe e piedi.
Noi, con il nostro corpo palpitante.

Abbiamo dimenticato, e dimenticando abbiamo ricordato.

Abbiamo ricordato chi siamo.

Siamo i nostri piedi, affamati di terra e di fango;
Siamo le nostre gambe, nelle cui vene scorre mai assopita la voglia di slanciarsi ad afferrare il cielo;
Siamo le nostre braccia, tese ad abbracciare il mondo;
siamo le nostre mani, capaci di realizzare ogni desiderio ispirato dal cuore.

Siamo il respiro che non si può spezzare, la vita che non si può fermare;
siamo la voglia di cantare e gridare, e la paura di farlo.

Siamo felicità e nostalgia, gratitudine e insoddisfazione.

Siamo come il vento che accarezza il campo, simili all’onda che dà forma al mare,
Siamo corrente, energia, movimento. Coraggio e terrore.
Siamo tutto e il contrario di tutto, caleidoscopi di possibilità tenuti insieme dai battiti di un cuore.

Siamo piccoli come un granello, ma imprevedibili come la fiamma.

Siamo il sale della terra, miracolo e rovina.

Te lo ricordi?

Ricordatelo, perché se lo fai, se impari ad abbracciare la tua natura, nessun altro potrà mai decidere chi sei al posto tuo.

Ricordatelo, e poi sii libero.

Spread the culture
  • 19
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
Tags from the story
,
More from Clarissa Cozzi

La formica e la luna

C’era una volta una piccola formica. Viveva in una casetta piccina piccina...
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *