Rigatoni al pesto di melanzane con pomodorini confit (e due cose su Into the wild)

Into the wild è l’esaltazione della scelta primitiva e disperata dell’uomo. È la storia di un ritorno alla natura, un Richiamo della foresta dove al posto del cane Buck troviamo l’umano Christopher McCandless.

È un racconto di un viaggio dove il cibo è donato dai territori – non sempre molto generosi e collaborativi.

È una storia che parla di cibo e di un uomo che muore per l’assenza di esso.

Per questo mi sento un attimino fuori tema e vittima del paradosso a raccontarvi, oggi, di questa meravigliosa pasta al pesto di melanzane. Vi chiederete cosa c’entra questa sorta di norma al contrario con il film e la verità è che non c’entra proprio nulla. 

Ma è anche vero che cosa c’è di più condivisibile di un pranzo con una bella boule gigante piena di pasta da assaporare in ottima compagnia?

Ecco, diciamo che tra tante scelte sbagliate o discutibili, pensate opinabili e passi falsi se c’è una cosa che Into the wild mi ha lasciato è proprio questa:

La felicità è reale solo quando condivisa.

Rigatoni al pesto di melanzane con pomodorini confit – la ricetta

INGREDIENTI (dosi per 6 persone)

  • 500 g di rigatoni
  • 500 g di melanzane
  • 50 g di mandorle
  • 40 g di ricotta salata
  • 20 foglie di basilico fresco
  • 1/4 di spicchio d’aglio
  • un pizzico di paprika dolce
  • un pizzico di zenzero fresco grattuggiato
  • sale e olio extra vergine d’oliva
  • ricotta salata a finire q.b.
  • pomodorini confit q.b. (trovi la ricetta qui)

 

Mentre assaggi ascolta:  Ed è quasi come essere felici, Motta

PREPARAZIONE

    1. Pela le melanzane lasciando un po’ di buccia. Tagliale in quarti e falle cuocere lentamente su una padella antiaderente, senza aggiungere nulla se non qualche pizzico di sale. Girale di tanto in tanto facendo arrostire ogni lato. Dopo una mezzoretta dovrebbero essere totalmente cotte e appassite.
    2. Metti le melanzane, le mandorle, la ricotta salata, il basilico, l’aglio e lo zenzero nel bicchiere del frullatore a immersione e frulla a intermittenza aggiungendo olio di extravergine d’oliva e frulla fino a ottenere una pesto cremoso. Aggiusta di sale e aggiungi la paprika.
    3. Lessa i rigatoni in abbondante acqua salata, scolala al dente e saltala con il pesto assieme a un mestolo di acqua di cottura della pasta.
    4. Servi con alcuni pomodorini confit e una grattugiata di ricotta salata.

Piatto: La Fornacina Keramik Studio

Ph. Sara Cartelli
© The Eat Culture

Spread the culture
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Kristel Cescotto

Le pennette alla vodka nel 2019 non sono anacronistiche

Sono sempre di fretta come il Bianconiglio. Orologio in una mano, borsa...
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *