SOME DAY, SOME MORNING, SOMETIMES: L’UOMO E LA NATURA SECONDO STEFANO BROLI

L’uomo e la magnificenza della natura. La terra in cui viviamo, che calpestiamo, in cui dormiamo, e di cui, ogni tanto ci dimentichiamo. A far rivivere il nostro rapporto di simbiosi con la madre terra ci ha pensato Stefano Broli – fotografo, picture editor, retoucher e regista video – con il suo progetto “Some day, some morning, sometimes”.  Orizzonti sconfinati, cieli maestosi, paesaggi incontaminati si svelano ai nostri occhi grazie alle sue fotografie. Si riesce ad assaporarli uno ad uno, a sentire il mormorio del vento, l’infrangersi delle onde e il fruscio delle foglie che cadono. Ma soprattutto si prova un’estrema sensazione di pace, anche interiore.

Semplice, immediato, ed estremamente comunicativo “Some day, some morning sometimes” è riuscito a trovare spazio al Salon Art Shopping 2014 presso il Carrousel du Louvre a Parigi. Apprezzato da collezionisti e appassionati, ad oggi  vanta un numero elevato di opere esposte a livello internazionale.

Un risultato che non meraviglia, perché queste immagini ti colpiscono dritto al cuore, ti entrano dentro, riescono a farti riflettere. Vedi l’uomo così piccolo, così solo di fronte a tanta bellezza e capisci che, anche se in molti credono di esserlo, l’essere umano non è il padrone della terra. In bianco e nero o a colori le fotografie di Stefano Broli raccontano una quotidianità fatta di piccole cose e di piccoli gesti. E ci insegnano ad osservarla, ma soprattutto… ad imparare ad apprezzarla.

 

www.stefanobroli.it

Stefano Broli - Some day, some morning, sometimes - Echo

Stefano Broli - Some day, some morning, sometimes - Father & Son

Stefano Broli - Some day, some morning, sometimes - A touch of blue

Stefano Broli - Some day, some morning, sometimes - The duchess

Spread the culture
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tags from the story
,
More from Sara Cartelli

UN ARTISTA PER L’ESTATE: LE ILLUSTRAZIONI DI PEDRO TAPA

Pedro Tapa è il classico artista in cui ti capita di imbatterti...
Eat it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *