Home > design > idee creative > IDEE DA COPIARE: GIOCHI DI SPECCHI IN 50MQ A MADRID

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Culture. Eat it

14 Febbraio 2018

design

IDEE DA COPIARE: GIOCHI DI SPECCHI IN 50MQ A MADRID

di Sara Cartelli

Ho sempre amato i giochi di specchi. Saperli posizionare correttamente è estremamente utile quando si vuole far sembrare più ampi e luminosi gli ambienti. Nell’appartamento che vi propongo oggi gli architetti dello studio Manuel Ocaña hanno giocato con questo complemento d’arredo per soddisfare proprio queste due necessità.

50mq: uno spazio limitato, ma perfettamente vivibile per un’unica persona.

Che cosa hanno fatto gli architetti?

Innanzitutto, hanno pensato a non separare gli spazi tramite pareti o porte convenzionali, per non appesantire l’appartamento visivamente. La divisione degli ambienti è stata affidata a mobili, pareti in vetro e a specchio.

Gli specchi appunto, posizionati ovunque (dalla zona giorno a quella notte) e utilizzati come porte, divisori, elementi d’arredo o scelti come finitura delle ante dell’armadio.

In più: niente mobili a soffitto, tanti materiali naturali (è stato scelto il legno sia per il pavimento che per i mobili della cucina), nuances pastello, un uso dosato e sapiente del nero a contrasto e pattern geometrici.

Il risultato?

Estremamente moderno, brioso e personale. Tutto da copiare se si vuole rendere confortevole e visivamente più ampio un mini-spazio.

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Idee da copiare: Giochi di specchi in 50 mq a Madrid

Immagini via: micasarevista.com

 

SPREAD THE CULTURE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo subito!

Autore

Sara Cartelli

Cogito Ergo Sum

email me

follow me

Sara Cartelli

biografia:

Copywriter, folletto tuttofare e mamma con una passione smisurata per la fotografia. La scrittura è una medicina che le permette di esprimere la propria personalità e far emergere la sua vera voce. Meglio di uno psicanalista. Alla perenne ricerca di una strada da seguire, al momento, preferisce perdersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *