Home > design > arredi e complementi > LA MAGIA DELL’IMPERFEZIONE: LE CERAMICHE DI FREE FOLDING

Culture. Eat it

16 Marzo 2016

arredi e complementi

LA MAGIA DELL’IMPERFEZIONE: LE CERAMICHE DI FREE FOLDING

di Sara Cartelli

La semplicità. L’imperfezione. Sono due parole che, molto spesso, rievocano nella nostra mente immagini negative. Se è semplice è banale. Se è imperfetto è da scartare. Semplice e imperfetto non sono mai sinonimi di bellezza. No, però ne possono fanno parte. Esiste qualcosa di semplice e imperfetto allo stesso tempo che può essere definito “bello”. Le ceramiche di Michal German, ad esempio. Un connubio di naturalezza ed eleganza, di forme armoniche e geometrie sinuose.

Free Folding è il nome del suo brand, nonché del suo laboratorio, dove lavora e dipinge l’argilla trasformandola in accessori per la casa. Una maestra artigiana appassionata di un materiale duttile, mutevole e magico che le permette di sperimentare costantemente. Tazze, tazzine, vasi, ciotole, piatti, portafrutta: tante sono le meravigliose creazioni di Michal German, e tutte disponibili nel suo shop Etsy.

Faccio finta di non averlo detto, ma sì, esiste uno shop Esty di Free Folding e la spedizione è in tutto il mondo! Segno i miei oggetti preferiti nella lista dei desideri, ed intanto resto qui, incantata, ad ammirare la bellezza delle cose imperfette, create con passione.

 

www.etsy.com/it/shop/FreeFolding

Free folding ceramics_1

Free folding ceramics_5

Free folding ceramics_4

piatto ceramica artigianale

vaso ceramica artigianale

Free folding ceramics_8

Free folding ceramics_6

Free folding ceramics_9

Immagini via Free Folding

SPREAD THE CULTURE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo subito!

Autore

Sara Cartelli

Cogito Ergo Sum

email me

follow me

Sara Cartelli

biografia:

Copywriter, folletto tuttofare e mamma con una passione smisurata per la fotografia. La scrittura è una medicina che le permette di esprimere la propria personalità e far emergere la sua vera voce. Meglio di uno psicanalista. Alla perenne ricerca di una strada da seguire, al momento, preferisce perdersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *