Home > menù degustazione > mangia, viaggia, ridi > Tutte le forme e i sapori dell’uovo: L’Ov Milano

Culture. Eat it

20 Dicembre 2018

mangia, viaggia, ridi

Tutte le forme e i sapori dell’uovo: L’Ov Milano

di The Rolling Forks

È da poco che abbiamo scoperto questo bellissimo locale ma è già entrato nella top ten dei nostri brunch della città. Se amate le uova, come noi, non potete assolutamente perdervi una tappa da L’Ov Milano (Viale Premuda 14 o Via Solari 34). 

Il vero protagonista a far luce nel locale è proprio l’uovo.

Non un uovo qualunque ma un uovo di selva, biologico e di gallina che razzola nel bosco di castagni!

Il brunch prevede due versioni: una light e una full.

La prima comprende uova servite in tutti i modi: strapazzate, al tegamino, in camicia, omelette accompagnate con bacon o salmone e hash browns, patate al forno o pomodori grigliati oltre che pancakes con sciroppo d’acero e plateau di frutta (spremuta, caffè americano ed acqua sono compresi nel prezzo). La seconda versione comprende la prima a cui si potrà aggiungere un piatto tra i sandwich e burger in menu.

Vi assicuriamo che già la versione light vi farà ruzzolare felici fuori dal bistrot! Anche le proposte settimanali sono tutte a base di uova e si sposano molto bene con un pranzo o una cena semplice e curata. Le pareti grigio-verdi, i mattoni a vista, il legno, il ferro battuto e un’illuminazione delicata danno al locale un tocco di casa retrò, uno spazio caldo, accogliente e dal respiro internazionale.

L’Ov ci ha colpito davvero e sarà una tappa fissa di molte domeniche del 2019, assicurato!

Foto L’Ov via Facebook

Photos: Sara Cartelli

SPREAD THE CULTURE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo subito!

Autore

The Rolling Forks

email me

follow me

The Rolling Forks

biografia:

Avvocato e brand manager. Amiche e sorelle. Marito e moglie, o forse moglie e moglie. Entrambe condividono le stesse passioni: il cibo, il vino (tanto), i viaggi. Rocambolesche, simpatiche, matte, affette da sindrome di wanderlust. Parigi le ha unite, ora amano perdersi nel mondo e ridere. Per Federica il motto è: “chi più in alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna” (W. Bonatti) Per Margherita il motto è: “il mio unico limite: il cielo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *