Home > food > Torta rovesciata alle arance caramellate

Torta rovesciata alle arance caramellate con ricotta, morbidissima e profumata!

Culture. Eat it

14 Marzo 2019

food

Torta rovesciata alle arance caramellate

di Kristel Cescotto

Metti una cassetta d’arance, di quelle buone. L’ultima della stagione.
Metti una notte in cucina, che è meglio di una al museo.
Una notte di quelle lunghe. E quanto lunghe lo misureremo l’indomani in base all’intensità delle occhiaie.
Metti carta e penna, ingredienti, dosi, farina tra i capelli e speranza. Scrivi e cancella, assaggia e ritratta.
Metti spotify – ma mettilo in sordina, perchè Coinquilino Del Cuore dorme e poverino già il pentolame vario fa il suo bel casino.

Poi, segui la ricetta che ti racconto tra poco. Tieni un pizzico del mistero sul reciproco adattamento di tutto quello che ti ho elencato qui sopra, dunque ammanta il tutto di amore e poesia. 

È così che questa torta rovesciata alle arance caramellate nasce.

E chiederci come io abbia potuto azzeccare le dosi dell’impasto perfetto – morbido, saporoso e umido al punto giusto – al primo colpo è un po’ come chiedersi se quando chiudiamo il frigo la luce al suo interno si spenga davvero.
Questioni irrisolte che ci cullano tra i nostri se e i nostri ma.

Meglio risolverle con una fetta di questa torta. Pucciata in una buona colonna sonora, quando non vogliamo farci mancare proprio niente.

Perchè l’unico difetto di questa torta è che prima o poi finisce.

Torta rovesciata alle arance caramellate – la ricetta

INGREDIENTI

Per lo sciroppo:

  • 20 g di burro
  • 50 g di zucchero di canna
  • 15 g di miele
  • Il succo di mezza arancia
  • Il succo di mezzo limone
  • Fette di arancia (trovi le specifiche del caso a fine ricetta)

Per l’impasto:

  • 250 g di farina 00
  • 50 g di fecola di patate (o maizena)
  • 250 g di ricotta vaccina
  • 170 g di zucchero integrale di canna
  • 4 uova
  • Il succo di 2 arance
  • La scorza di un limone e di una grossa arancia non trattati
  • 50 g di burro fuso
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Un pizzico di sale
  • Un pizzico di cannella

PROCEDIMENTO

Prepara lo sciroppo

  1. In un pentolino antiaderente fai fondere assieme il burro, lo zucchero, il miele ed il succo di limone e arancia. Mescola e fai ridurre a fuoco basso. Non appena lo sciroppo comincia ad addensarsi (non è un caramello dunque non deve brunire) è pronto.
  2. In una tortiera (a cerchio apribile da 26 cm) foderata di carta forno (non dimenticare di imburrare prima i bordi) disponi le fettine di arancia.
  3. Ora versa a cucchiaiate lo sciroppo sopra le fettine di arancia. Metti da parte.

Prepara l’impasto

  1. Monta le uova con lo zucchero e un pizzico di sale fino a formare una crema chiara e spumosa.
  2. Aggiungi al burro fuso: il succo delle arance, l’estratto vaniglia, la scorza di arancia e di limone. Versalo nelle uova montate.
  3. In una boule, setaccia assieme le polveri: farina, fecola di patate e lievito.
  4. Aggiungi metà degli ingredienti secchi all’impasto.
  5. Una volta incorporata la prima parte di polveri, aggiungi la ricotta setacciata. Una volta amalgamata, versa anche la farina restante.
  6. Continua a lavorare il composto così da ottenere una consistenza uniforme, cremosa e densa.
  7. Versa l’impasto sopra alle arance sciroppate e cuoci in forno preriscaldato a 180°C per circa 45 minuti (verifica l’avvenuta cottura con la prova stuzzicadenti).
  8. Una volta cotta, spegni il forno e lascialo semiaperto per dieci minuti, necessari a far scendere gradualmente la temperatura della torta rovesciata alle arance; sforna e attendi qualche minuto – giusto per non ustionarti.
    Togli dunque la cerniera dalla tortiera e, con l’aiuto di un piatto da portata, rovesciala. Elimina delicatamente la carta forno e lascia intiepidire.

Non ti resta che godere del profumo che si è sprigionato dalla tua torta rovesciata alle arance che nemmeno una Yankee Candle orange. Pregustala e divorala.

Torta rovesciata alle arance caramellate con ricotta, morbidissima e profumata!

Il decalogo dell’arancia perfetta (nella torta rovesciata alle arance caramellate)

  • Le arance devono essere di stagione.
  • Meglio se ne trovate di “dimensioni” e colori “diversi”, vista e gusto ve ne saranno grati.
  • Devono essere  a s s o l u t a m e n t e  e necessariamente NON TRATTATE.
    E non così per vezzo. A tal proposito vi dico che pesticidi, lacche lucidanti e veleni vari non sono contemplati tra gli ingredienti. Nel caso abbiate a disposizione solo arance “da supermercato” per l’amor di Dio pelatele a vivo e utilizzate solo la polpa, non azzardatevi ad inserire la buccia nella torta.
Come utilizzarle

Taglia un’arancia con tutta la sua buccia, a fettine molto sottili, di qualche millimetro, con un coltello molto affilato. Poi disponi le fette sul fondo della tortiera in un solo strato, senza farle sovrapporre. Questi sono i segreti basic per farle caramellare a puntino.

Riflessione all’arancia

Utilizzando l’arancia completa della sua buccia, andiamo a inserire nella torta sì tutti i suoi olii essenziali ma anche la parte bianca, portatrice sana di vena amara. L’amaro, per alcuni, si rivela squisito in contrasto con la dolcezza dello sciroppo e della torta.

Ma non per me. Non posso nascondervi che l’idea di lasciare la buccia sulle fettine d’arancia mi abbia inizialmente turbata. Però è scenografica. Ma dice il saggio

Mai togliere al buono per dare al bello.

Comunque la buccia a qualcuno piace. Per tutti voi Qualcuno a cui la buccia non aggrada, risolverete il problema togliendola dalle fettine prima di papparla. Facile. E problema risolto amici.

MENTRE ASSAGGI ASCOLTA:

Photos: Sara Cartelli

SPREAD THE CULTURE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo subito!

Autore

Kristel Cescotto

Omnia vincit amor

email me

follow me

Kristel Cescotto

biografia:

Cogitatrice impegnata, praticante dell’Amore Universale, su di lei nemmeno una nuvola. A 30 anni non ha ancora la minima idea di come vuole essere a 32: una, nessuna ma forse non centomila. Grazie al cielo tutto scorre. Panta rei. E alla fine, come in uno splendido giardino Bahai, verrà estasiata da un’illuminazione. E vivrà per sempre felice e contenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *